libri · recensioni

Dieci piccoli indiani – Agatha Christie.

Ciao a tutti lettori, come state? Io tutto bene, già in preda all’agitazione pre-esame.

Oggi però vi parlo di un classico della letteratura gialla, un libro che tutti – grandi e piccini – almeno una volta abbiamo letto.


TITOLO: Dieci piccoli indiani.  dieci indiani

AUTORE: Agatha Christie.

GENERE: Giallo.

CASA EDITRICE: Mondadori.

TRAMA: Dieci persone estranee l’una all’altra sono state invitate a soggiornare in una splendida villa su un’isola, senza sapere il nome del generoso ospite. Eppure, chi per curiosità, chi per bisogno, chi per opportunità, hanno accettato l’invito. Ma non c’è il padrone di casa ad aspettarli. Trovano invece una poesia incorniciata e appesa sopra il caminetto di ciascuna camera. E una voce inumana e penetrante che li accusa di essere tutti assassini. Una trappola spietata e geniale, per gli ospiti … e per i lettori.

RECENSIONE: Questo è il primo libro di Agatha Cristie che leggo, e devo dire che mi ha colpita subito. Prima di febbraio, mese in cui ho letto il libro, conoscevo solo di nome questa autrice inglese, poi un giorno ho cominciato a vedere sui vari social tantissime foto dei suoi libri e ho cominciato ad incuriosirmi. Così i miei genitori hanno deciso di farmi un regalo.

La storia si presenta subito misteriosa: dieci persone che non hanno nulla a che fare le une con le altre si ritrovano invitate su un’isola, nella casa di un misterioso personaggio che però mai si mostrerà.

Le storie dei dieci protagonisti sono tutte molto misteriose e totalmente diverse tra loro: c’è il Sig. Wargrave, giudice da poco in pensione;                                                                            la Signora Vera Claythorne, maestra di ginnastica in una suola di terz’ordine;               Philip Lombard, capitano dell’esercito.                                                                                    Emily Brent, anziana signora di sessantacinque anni.                                                                  il generale Macarthur.                                                                                                                          il Dott. Armstrong                                                                                                                      Anthony Marston                                                                                                                                  il maggiordomo Rogers e sua moglie.

Giunti sull’isola tutti vengono accusati di aver commesso omicidi efferati e minacciati di essere uccisi… uno per uno. L’unico indizio è una poesia incorniciata in ogni stanza della casa, davvero inquietante a mio parere.

Dieci poveri negretti se ne andarono a mangiar:                                                                   uno fece indigestione, solo nove ne restar.                                                                              Nove poveri negretti fino a notte alta vegliar:                                                                         uno cadde addormentato, otto soli ne restar.                                                                           Otto poveri negretti se ne vanno a passeggiar:                                                                      uno, ahimè, è rimasto indietro, solo sette ne restar.                                                              Sette poveri negretti legna andarono a spaccar:                                                                    un di lor s’infranse a mezzo, e sei soli ne restar.                                                                     Sei poveri negretti giocan con un alvear:                                                                                 da una vespa uno fu punto, solo cinque ne restar.                                                                 Cinque poveri negretti un giudizio han da sbrigar:                                                             un lo ferma il tribunale, quattro soli ne restar.                                                                        Quattro poveri negretti salpan verso l’alto mar:                                                                      uno un granchio se lo prende, e tre soli ne restar.                                                                  I tre poveri negretti allo zoo vollero andar:                                                                              uno l’orso ne abbrancò, e due soli ne restar.                                                                           I due   poveri negretti stanno al sol per un pò:                                                                         un si fuse come cera e uno solo ne restò.                                                                                   Solo, il povero negretto in un bosco se ne andò:                                                                      ad un pino s’impiccò, e nessuno ne restò.

La lettura scorre facilmente ed è davvero accattivante. Lo stile è lineare e fluido e questo porta il lettore a volerne sapere sempre di più fino a giungere all’epilogo, che non mi sarei mai aspettata…

Consiglio assolutamente a leggere questo libro della vera e indiscussa Regina del Crimine…

cuorecuorecuorecuorecuore


Avete letto questo libro? Vi è piaciuto?

Alla prossima recensione.!!

L.

 

3 thoughts on “Dieci piccoli indiani – Agatha Christie.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.